Amministrazione Condominiale


Spesso si crede che il disoccupato o chi ha una pensione minima non rischia nulla se smette di pagare il condominio. In verità contro i morosi c’è sempre la possibilità di pignorare e vendere l’appartamento. Solo nei confronti del fisco c’è il divieto di toccare la prima casa (peraltro con un limite minimo di debito di 120mila euro). Secondo la giurisprudenza, neanche l’esistenza di un fondo patrimoniale può essere sufficiente a impedire l’esecuzione forza sull’immobile, trattandosi di una spesa necessaria ai bisogni della famiglia (qual è appunto la casa).

Non puoi pagare per conto di chi non paga
Altro errore che si commette spesso nei condomini è quello di approvare a maggioranza la costituzione di un fondo spese per sopperire alle esigenze di cassa determinate dalle varie morosità. Se si tratta solo di un anticipo delle quote condominiali che i vari proprietari dovranno pagare nei mesi successivi, allora non c’è alcun problema. Viceversa, se si tratta di un extra per coprire i buchi di bilancio, la giurisprudenza impone l’unanimità dei consensi. Questo perché la legge stabilisce che alle spese condominiali si partecipa sempre e solo secondo i propri millesimi; invece, far pagare di più chi ha già pagato le quote, onde sopperire alle esigenze di cassa, sfasa questa proporzione. Con il consenso di tutti, invece, si può superare questo ostacolo. Ma basta un solo condomino che si oppone per far saltare la delibera.


I sistemi di distribuzione chiusi e della loro evoluzione. Ci sono aspetti potenzialmente critici, da chiarire, su cui lavorare in sede di recepimento. In che misura queste reti chiuse compartecipano agli oneri di sistema che tutti gli italiani pagano in bolletta? Quali garanzie in termini di gestione,


Abiti in un condominio. Puoi utilizzare quelle parti dell’edificio che sono di proprietà di tutti i condòmini? Hai l’abitudine di portare a casa il carrello della spesa dal supermercato e di lasciarlo nel garage anche per settimane. Ti è consentito farlo?


Il 28 febbraio 2019 scade il termine entro il quale fare la comunicazione delle spese di ristrutturazione del condominio. Ecco alcune cose da sapere.

Con il provvedimento del 6 febbraio 2019, l’Agenzia delle Entrate ha pubblicato le indicazioni in merito alla comunicazione delle spese di ristrutturazione effettuate nel condominio. Interessati alla scadenza sono gli amministratori di condominio e i soggetti obbligati alla comunicazione delle spese detraibili (asili nido, veterinari e università).

Pagina 1 di 2

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione