FAQ

AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

Un condomino impugna una delibera di ripartizione per spese straordinarie e, quindi, nasce una lite
Ai sensi dell'art. 1132 c.c. se l'assemblea ha deliberato di promuovere una lite o di resistere ad una domanda, il condomino dissenziente, con atto notificato all'amministratore, può dissociarsi e separare, quindi, la propria responsabilità in ordine alla lite in caso di soccombenza. La norma in questione è inderogabile, pertanto tale diritto non può essere negato ad un condomino, neppure da una norma regolamentare. Occorre, però, rispettare i presupposti di tale diritto, ossia il condomino deve essere stato assente o deve, in assemblea, aver votato contro la delibera che instaura la lite. Inoltre, il dissenso deve essere manifestato nel termine improrogabile di 30 giorni che decorrono per il dissenziente dal giorno dell'assemblea e per l'assente dalla data in cui ha avuto notizia della deliberazione in questione.
Volevo avere chiarimenti in merito alla possibilità di dissenso in liti che riguardano il condominio con controparte un singolo condomino.
Se l'assemblea dei condomini ha deliberato di promuovere una lite o di resistere ad una domanda, il condomino dissenziente, con atto notificato all'amministratore, può separare la propria responsabilità in ordine alle conseguenze della lite per il caso di soccombenza. Può notificare il dissenso all'amministratore tanto il dissenziente che l'assente, entrambi nel termine di 30 giorni dall'assemblea per il primo e dal ricevimento della comunicazione il secondo.
L'inquilina che abita nell'appartamento sotto il mio ha un cagnolino che abbaia a tutte le ore del giorno, i momenti di pausa sono limitati a pochi minuti. Inoltre, non ha la serratura interna della porta di ingresso, per cui ogni volta che entra o esce spinge la porta provocando un rumore fortissimo e ovviamente all'improvviso; infine non parla con i figli ma urla soltanto. Tali rumori sono continuativi e violenti, L'amministratore ha più volte invitato l'inquilina a voler rispettare le regole del buon vicinato, senza nessun risultato.
Solo un regolamento contrattuale ossia predisposto dal costruttore o dall'originario proprietario precedentemente alla vendita delle singole unità immobiliari e accettato da tutti coloro che acquistano, può imporre il divieto di detenere nelle proprie abitazioni animali domestici. Quanto alla gestione degli stessi, anche se è vero che le immissioni di rumore sono consentite, ai sensi dell'art. 844 c.c., se non superano la normale tollerabilità, deve precisarsi che, nella casistica giurisprudenziale, purtroppo difficilmente l'abbaiare di un cane costituisce grave pregiudizio da poter far valere in sede giudiziaria.

Non hai trovato la soluzione al tuo problema?

Per avere maggiori informazioni contattaci telefonicamente o tramite email

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione